LABTER-CREA MANTOVA                              

Home ] Su ]

 

SVILUPPO SOSTENIBILE - AGENDA 21 LOCALE

 

ELEMENTI DI SVISOS E A21L NELLE ATTIVITA' DELLE SCUOLE

Tra gli obiettivi delle azioni e dei progetti realizzati dalle scuole ci sono obiettivi tipici della sostenibilità:

- la sensibilizzazione della comunità su alcuni problemi ambientali rilevanti, onde ottenerne interventi di risanamento dell'ambiente esterno (acqua, aria)

- il  miglioramento dell'atteggiamento e del comportamento della popolazione scolastica nei confronti delle questioni ambientali

- l'attivazione nelle scuole di azioni che ne riducano l'impatto ambientale (raccolta differenziata dei rifiuti, compostaggio, ecc.) e ne migliorino la qualità di vita.

 

Inoltre, per le modalità da sempre adottate, le azioni e i progetti  realizzati dalle varie reti di scuole nascono e si evolvono mediante processi "partecipati e condivisi".

Si può affermare che sin dalle origini alcuni temi della sostenibilità e segmenti dell' A21 siano stati elementi costitutivi dell'educazione ambientale mantovana, senza che le scuole  ne abbiano avuto la piena consapevolezza. In questi casi si parla infatti di Agenda 21 Inconscia.

I docenti avevano la certezza di fare "qualcosa" per l'ambiente e questo  può aver inibito sia l'esigenza di conoscere in modo esaustivo i temi della sostenibilità, che di conoscere e approfondire le metodologie dell'A21Locale.

In questo panorama molto dinamico sul piano operativo, ma bloccato su quello culturale, si sono calate le salutari iniziative della Regione Lombardia, del Comune di Mantova e della Provincia di Mantova.

Da qualche anno la  Regione Lombardia, nello specifico la Direzione Generale Qualità dell'Ambiente, invita le scuole a investigare i problemi dei cambiamenti climatici e a realizzare una riduzione  dei consumi energetici e delle emissioni di gas serra sia a livello di plesso scolastico, che a livello di singolo utente. Questo è il tema dominante delle ultime rassegne di exposcuolambiente.

In accordo con la Regione, l'Ufficio Scolastico Regionale promuove dal 2002 il progetto "-10, si puo' fare", che mira a ridurre del 10%  i consumi energetici delle scuole.

A queste si aggiungono le iniziative di Comune e Provincia, che contribuiscono a dare un forte impulso alla presa di coscienza delle scuole sui temi della sostenibilità e dell'A21 Locale

RUOLO DI LABTER CREA
NEL PROCESSO DI A21 MANTOVA

Vengono sintetizzate di seguito le funzioni assunte da LABTER-CREA nel processo di A21 attivato dal Comune di Mantova a partire dal 2001.

1. La Banca dati di LABTER-CREA viene acquisita dal Comune per la costruzione della RELAZIONE SULLO STATO DELL'AMBIENTE (estate 2001)

 

 

2. LABTER-CREA viene invitato a partecipare al FORUM in qualità di portatore di interessi (stake holder) (estate 2001)

3. Manuela Bertoi, docente ITIS e collaboratrice di LABTER-CREA, entra a far parte delle Segreteria Tecnica del Forum, in qualità di Facilitatore (autunno 2001)

4. La Relazione sullo Stato dell'Ambiente viene presentata all'apertura ufficiale del Forum (Dicembre 2001)

5. LABTER-CREA partecipa ai lavori di uno dei quattro gruppi tematici del Forum (2002)

6. Il Piano di azione, che viene licenziato nel Dicembre 2002, indica LABTER-CREA come uno degli attori chiamati a realizzare alcune azioni significative

Riflessione: il percorso di A21 Mantova porta ad un coinvolgimento sempre più spinto di LABTER-CREA nel processo e, mentre ne legittima la presenza e l'operato, carica il laboratorio di una grande responsabilità. 

 

RUOLO DI LABTER CREA
NEL PROCESSO DI A21 DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

 

Vengono sintetizzate di seguito le funzioni assunte da LABTER-CREA nel processo di A21 attivato dalla Provincia di Mantova a partire dal 2001.

1. LABTER-CREA viene invitato a partecipare al FORUM in qualità di portatore di interessi (stake holder) (primavera  2003)

2. Presentazione ufficiale del FORUM (primavera 2003)

4. LABTER-CREA partecipa ai due incontri del Gruppo Tematico EDUCAZIONE

5. LABTER-CREA collabora al lancio in alcune scuole superiori mantovane del Progetto "Energia e ambiente"  (autunno 2003)

6. Il Coordinatore Scientifico di LABTER-CREA presenta due Progetti ai Forum tematici svolti tra l'autunno e la primavera del 2004:

  • Sistema Integrato per l'Educazione Ambientale
  • Agenda 21 Mincio

7. La presentazione del Progetto "DA AGENDA AD AZIONE 21, UN PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE PER IL MINCIO" ad opera di Parco del Mincio, Provincia di Mantova e Comune di Mantova vede anche LABTER-CREA come ente di intestazione del progetto

Riflessione: con questi interventi si conferma e si consolida il nuovo indirizzo operativo di LABTER-CREA 

 

PROGETTO ENERGIA E AMBIENTE

Nel settembre 2003 La Provincia di Mantova, in collaborazione con la Provincia di Milano,  propone alle scuole superiori il Progetto "Energia e ambiente", basato sul calcolo dell'impronta ecologica di una singola classe dovuta ai consumi elettrici, termici e a quelli dovuti alla mobilità casa-scuola. Al Progetto aderiscono cinque scuole superiori mantovane: IPSIA Vinci MN, Liceo Scientifico Belfiore MN, Istituto Superiore di Istruzione Galilei Ostiglia, ITAG Strozzi di Palidano, ITI Fermi MN.

Il Prof. Maffeis presenta i protocolli operativi alla classe 3A ME di ITI Fermi

 

La Dr.ssa Arianna Acerbi (Provincia di Mantova) discute con la classe gli ambiti di indagine del progetto

 

 

 

SEMINARIO DI FORMAZIONE
SVILUPPO SOSTENIBILE - AGENDA 21 LOCALE

Le forti iniziative di Comune e Provincia inducono LABTER-CREA ad attivare un corso di Formazione specifico  "SVILUPPO SOSTENIBILE - AGENDA 21 LOCALE" , a cui affidare la diffusione reale e consapevole dei temi e dei processi di sostenibilità e di A21L nelle scuole e tra la cittadinanza e la nascita di una rete di scuole impegnata sui temi della sostenibilità. Il corso, che si attua nel periodo Ottobre 2003-Gennaio 2004, viene realizzato da LABTER-CREA in stretta collaborazione con LEA Conti, K.R.I.L.L. e Universita' di Milano,  Provincia e Comune di Mantova. 

 

Il Prof. Giulio De Leo di ARPA Lombardia e Universita' di Parma
inaugura il seminario

 

Camilla Bargellini e Piera Ciceri del KRILL di Milano conversano con un alcuni di docenti impegnati in un lavoro di gruppo 

 

Vista d'insieme dei partecipanti al corso

 

INDAGINE SULLA
MOBILITA' CASA-SCUOLA
NEL COMUNE DI MANTOVA

Su iniziativa del Comune di Mantova, nella primavera del 2003 viene predisposto un Questionario sulla Mobilità casa-scuola per un'indagine nel territorio comunale, da attuare nel Novembre 2003. L'iniziativa è a cura della Mobility Manager, Dr. Annamaria Zaniboni, in collaborazione con il coordinatore scientifico di LABTER-CREA.

Allievi della Scuola Media di Porto Mantovano

Dopo due incontri con Dirigenti, referenti e studenti delle scuole, il Questionario viene distribuito alle scuole a fine Novembre 2003, compilato nella prima Decade di Dicembre 2003 e ritirato prima delle vacanze di Natale 2003.

La distribuzione e la raccolta dei Questionari è effettuata  dal Settore Istruzione dell'Amministrazione Comunale.

 

 "ACCORDO  APAM - LABTER CREA"

Dopo alcuni anni di collaborazioni nate da occasioni specifiche, nell'Aprile 2004 APAM e LABTER-CREA stipulano un accordo di mobilita' sostenibile, fondato sui seguenti punti:

  • le classi che partecipano a progetti di rilievo ambientale coordinati da LABTER-CREA possono utilizzare tramite buoni trasporto gratuiti, rilasciati di volta in volta da APAM, i bus di linea per azioni di monitoraggio e studio ambientale
     

  • LABTER-CREA ed APAM si impegnano a diffondere la cultura della mobilità sostenibile con una serie di azioni cpngiunte che vanno dai Corsi di Formazione interna all'azienda a convegni e seminari destinati alle scuole e alla comunità

L'accordo APAM - LABTER CREA si offre come assolutamente innovativo sul piano nazionale, perché abbatte i costi del trasporto scolastico, non incide, se non in misura risibile, sul consumo di combustibile dell'azienda, non incrementa il traffico e l'inquinamento. 

 

Seminario di Aggiornamento

 "IDROGENO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE E PER LA RIDUZIONE DELL'EFFETTO SERRA"

LABTER-CREA si incarica inoltre di coordinare a livello locale,
per la primavera del 2004,  la realizzazione del Seminario di Aggiornamento "IDROGENO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE E PER LA RIDUZIONE DELL'EFFETTO SERRA" promosso da Regione Lombardia, E.N.E.A., Università e LEA Conti di Milano, SAPIO s.r.l.

La Dr.ssa Fausta Setti del LEA Conri e dell'Universita' di Milano e il Dr. Raffaele Vellone del Centro Ricerche Casaccia dell'ENEA

 

Vista d'insieme dei partecipanti al primo incontro del seminario (13-02-04)

 

PROSPETTIVE

MOBILITA' CASA-SCUOLA A MANTOVA

Istogramma

Il 20 Settembre 2004, nell'ambito della settimana LOMBARDIA IN BICI, promossa da Regione Lombardia e coordinata sul piano locale dagli AMICI DELLA BICICLETTA di Mantova, presso la Sala degli Stemmi di Palazzo Soardi vengono presentati i risultati dell'indagine realizzata nel Dicembre 2003.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La presentazione é a cura del Dr.  Gabriel Bonizzi, direttore di e-gazette,  che ha effettuato l'elaborazione dei dati.

Nel dibattito che segue la presentazione,  l'Assessore all'Ambiente del Comune di Mantova, Assunta Putignano, si impegna a presentare ad ogni scuola della città un rapporto specifico sulla situazione della scuola emersa dall'indagine e, tramite LABTER-CREA, a formare tavoli di lavoro per identificare, ideare e attuare iniziative di mobilità sostenibile.

 

IDROGENO

Quale richiesta dei docenti partecipanti al Corso Idrogeno e su iniziativa del Prof. Renato Mischi dell'ITILICEO Fermi di Mantova,  nel Giugno 2004 viene presentata alla Regione Lombardia dai responsabili del LABTER-CREA di Mantova e del LEA Conti di Milano la proposta per la realizzazione di un Impianto Didattico di Produzione e Utilizzazione dell'Idrogeno che serva alla didattica, alla formazione dei docenti e alla divulgazione della cultura dei vettori e delle fonti energetiche alternative.

Il modello di riferimento é l'impianto visitato dei corsisti presso l'ITIS Quintino Sella di Biella

L'impianto didattico di produzione e uso dell'Idrogeno
  all'ITIS "Quintino Sella" di Biella

Nell'Ottobre 2004 la Regione Lombardia dà un parere favorevole alla realizzazione di tale impianto e l'indicazione perché esso faccia parte del Progetto per le Energie Alternative della Provincia di Mantova.

IL "CONTRATTO MONDIALE PER L'ACQUA"

Nel novembre 2003, su invito della sezione mantovana di BANCA ETICA, che opera in collaborazione con il Seminario Vescovile, la Provincia e il Comune di Mantova, LABTER-CREA e molte associazioni di volontariato, il Prof. Riccardo Petrella incontra in tre momenti successivi autorità, cittadini e studenti mantovani.

L'Auditorium Vescovile affollatissimo di studenti e docenti per l'incontro
col Prof. Petrella (Mantova, 4 Novembre 2003)

Con essi il Prof. Petrella  discute dei problemi derivanti dal mancato accesso all'acqua potabile per miliardi di persone e presenta il Manifesto Mondiale per l'Acqua, una proposta per estendere il diritto all'acqua potabile a chi non ne dispone.

LABTER-CREA si impegna, in collaborazione con Banca Etica ed altre associazioni di volontariato,  a diffondere il Manifesto Mondiale per l'Acqua nella scuola e nella comunità mantovana.